Processo a Norimberga

Processo a Norimberga

20,00 17,00

I ricordi, l’autodifesa e il memoriale di uno dei più importanti funzionari nazionalsocialisti rimette in discussione la liceità del Tribunale di Norimberga, che per la prima volta ignora i fondamenti del diritto, calpestando la regola fondamentale che non ci può essere reato senza che ci sia stata prima una legge che lo configurasse come tale.

COD: 978-88-9480-733-2 Categoria:
000

I ricordi, l’autodifesa e il memoriale di uno dei più importanti funzionari nazionalsocialisti rimette in discussione la liceità del Tribunale di Norimberga, che per la prima volta ignora i fondamenti del diritto, calpestando la regola fondamentale che non ci può essere reato senza che ci sia stata prima una legge che lo configurasse come tale. I funzionari e i ministri nazionalsocialisti applicavano la legge e in essa non erano codificati i cosiddetti “crimini contro l’umanità”, concepiti dai vincitori americani e sovietici, che di tali crimini erano esperti, come dimostrano i casi di Hiroshima e delle fosse di Katyn.

 

Importante esponente nazionalsocialista, collaboratore di Goebbels e capo della Divisione stampa e radio del Terzo Reich, Hans Fritzsche (1990-1953) venne arrestato dai sovietici il 2 maggio 1945 e processato dal Tribunale Militare Internazionale di Norimberga con l’accusa di crimini contro l’umanità. Assieme a Hjalmar Schacht e Franz von Papen fu uno dei soli tre imputati che vennero scagionati alla fine del processo di Norimberga.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788894807332

N° pagine

306

Prefazione di

Marco Cimmino