L’ideale di Bayreuth

L’ideale di Bayreuth

25,00 23,75

Sono qui raccolti gli scritti più significativi di musica e teatro composti da Wagner nell’ultimo quindicennio della sua vita, nel periodo di Triebschen e di Bayreuth, che segna non solo la svolta finale e trionfale della vita dell’Artista, ma anche un approfondimento, e perciò una chiarificazione, del suo pensiero.

COD: 9791280190949 Categoria:
000

Sono qui raccolti gli scritti più significativi di musica e teatro composti da Wagner nell’ultimo quindicennio della sua vita, nel periodo di Triebschen e di Bayreuth, che segna non solo la svolta finale e trionfale della vita dell’Artista, ma anche un approfondimento, e perciò una chiarificazione, del suo pensiero.

Il volume di Richard Wagner che il lettore ha tra le mani colma una lacuna nel mondo editoriale italiano, dato che la sua prima ed unica edizione risale all’ormai lontano 1940. La cosa è ben strana, in quanto, negli ultimi decenni, gli studi di filosofia della musica sono stati fortemente incrementati nel nostro Paese, riscuotendo perfino un certo successo di pubblico. L’ideale di Bayreuth è un testo organico e articolato, che raccoglie i saggi wagneriani più significativi su musica e teatro, composti nell’ultimo quindicennio di vita del Maestro. Da queste pagine emerge, prima di ogni altra cosa, la volontà indomita di Wagner di affermare la propria idea di musica attraverso una riforma radicale del teatro e degli Istituti musicali che, in quel frangente storico, in Germania erano deputati alla formazione di strumentisti e direttori d’orchestra. Un testo, quindi, dal quale è possibile trarre informazioni riguardanti la bio- grafia, esteriore, intellettuale, ma anche profonda e implicita del musicista.

Wilhelm Richard Wagner (1813- 1883) è stato un protagonista assoluto della cultura dell’Ottocento. Compositore, poeta, librettista e saggista, Wagner è stato, oltre che un sublime musicista, un solido pensatore e un filosofo originale.

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9791280190949

Introduzione di

Giovanni Sessa